per il tuo noleggio elettromedicali a roma chiama il numero verde 800 500 564
per il tuo noleggio elettromedicali a roma chiama il numero cellulare 335 571 5443

Perchè utilizzare Kinetec per l’Artralgia

di Kinetec Roma, scritto Lunedì, 26 Febbraio 2018
Perchè utilizzare Kinetec per l’Artralgia

Con il termine artralgia si intende una condizione di dolore osteo-muscolo-articolare che può avere diverse cause, sintomi e durata. Si tratta di una patologia complicata da curare, perché il trattamento deve tenere conto di tutti i fattori del quadro diagnostico e della soggettività dell'evento. L'unica terapia comune a tutte le tipologie di artralgia, che dona sollievo e benessere a tutti i pazienti che ne soffrono, è la mobilitazione costante, frequente e regolata. Questo si può ottenere grazie all'utilizzo di un dispositivo Kinetec. Il Kinetec è un apparecchio per la C.P.M.: Continuous Passive Motions, cioè mobilitazione passiva continuativa. Consente di ripristinare l'elasticità cartilaginea e la funzionalità articolare senza affaticare le ossa e i muscoli, escludendo il rischio di movimenti errati volontari che potrebbero peggiorare il problema.


L'artralgia: cos'è e quanto può essere invalidante

Artralgia è un termine medico, molto generico, che raggruppa tutta una serie di patologie muscolo-osteo-articolari che danno come sintomatologia un dolore articolare localizzato o generalizzato. Difficilmente è una malattia primaria ma, nella maggior parte dei casi, è una conseguenza o una correlazione di un problema retrostante. Proprio per questo motivo si può essere molto ottimisti per quanto riguarda il suo trattamento e la sua guarigione visto che, quasi sempre, è un sintomo più che una causa patologica. Kinetec è uno dei macchinari più utili nella terapia dell'artralgia e nel recupero articolare, perché riesce a mobilizzare l'articolazione precocemente, anche quando il dolore impedisce al paziente di farlo in modo spontaneo e volontario. Tutti gli studi medici effettuati sul trattamento dell'artralgia dimostrano come il movimento sia la terapia più efficace per ridurre il dolore, evitare la perdita di funzionalità articolare e minimizzare i tempi di recupero. Molti tipi di artralgia, soprattutto se correlati all'età avanzata o ad un intervento o percorso post-traumatologico importanti, possono essere così invalidanti da costringere il paziente a letto, all'immobilità o alla sedia a rotelle, anche per periodi estremamente lunghi. Tenere le articolazioni in movimento, invece, permette di accorciare notevolmente la convalescenza, di ottenere un miglior recupero e di evitare tutti gli effetti collaterali dell'immobilità.

I sintomi dell'artralgia

L'artralgia si manifesta, in modo acuto o cronico, con dolori da moderati a invalidanti a carico di una o più articolazioni. L'infiammazione delle cartilagini, la rottura dei legamenti o, semplicemente, l'erosione del collagene che protegge l'articolazione, tipica dell'età anziana, possono dar luogo a eventi di dolore improvviso o acuto che, se non trattato adeguatamente, può cronicizzare. Un'artralgia cronica, anche se non mette a rischio la vita, può ridurne nettamente la qualità. I sintomi principali, e più indicativi, di artralgia sono:

- dolore a una o più articolazioni
- difficoltà di movimento 
- incapacità di compiere movimenti ampi: ad esempio le rotazioni o le estensioni dell'arto interessato 
- dolore che si estende a tutta la fascia muscolare e a tutti i nervi correlati all'articolazione interessata, perché si sforzano troppo
- formicolii, intorpidimenti, perdita di sensibilità della zona colpita
- nei casi più gravi, l'impossibilità di compiere qualsiasi tipo di movimento: non si riesce più a camminare o a muovere l'arto colpito da artralgia


Come si diagnostica l'artralgia

In presenza di dolore, improvviso e acuto o  in lenta progressione, solitamente la diagnosi di artralgia avviene grazie a una semplice visita medica, raccogliendo l'anamnesi: cioè ascoltando i sintomi del paziente. Un'ecografia, una risonanza magnetica o una tac possono essere utili per confermare la diagnosi, evidenziando segni di flogosi, accumulo di liquido o erosione della cartilagine articolare. A questo punto è importante mettere subito in atto una terapia per contrastare i sintomi ed evitare la progressione e la cronicizzazione del dolore mentre, nel frattempo, si indagheranno le eventuali cause che l'hanno provocata. Abbinato alla terapia farmacologica è indispensabile stilare un protocollo di mobilizzazione dell'articolazione interessata. È in questi casi che Kinetec ha un ruolo determinante. Il dolore, infatti, non sempre permette al paziente di poter fare fisioterapia attiva, tramite ginnastica o esercizi mirati. La C.P.M., invece, è adatta e consigliabile a tutti: non ha controindicazioni, è sicura, è efficace più di una seduta di fisioterapia attiva, perché accompagna l'articolazione in movimenti sempre corretti, completi, regolari e adeguatamente supportati. 


Le cause dell'artralgia

L'artralgia può insorgere per moltissime cause e avere, soggettivamente, sintomi ed evoluzioni diverse. Per quanto riguarda le artralgie acute, le cause principali sono:

- traumi: un incidente, un movimento scorretto, un allenamento troppo intenso o sbagliato in palestra, una caduta, una botta
- malattie virali: a volte, soprattutto in pazienti deboli o con un sistema immunitario compromesso, una semplice influenza o una virosi di qualsiasi tipo può provocare un'infiammazione a una o più articolazioni, così gravi da compromettere il movimento
- infiammazioni localizzate: ad esempio un'infiammazione delle cartilagini, dei nervi o delle ossa
- post-chirurgia: i pazienti sottoposti ad intervento ortopedico, dopo l'operazione, possono soffrire di attacchi di artralgia piuttosto importanti che, se curati adeguatamente, restano un fenomeno temporaneo e non cronicizzano

Le artralgie croniche, invece, a differenza di quelle acute sono meno dolorose ma tendono a peggiorare col tempo ed a rendere, man mano che progrediscono, sempre più difficile il movimento e sempre più difficile la quotidianità del paziente. Le principali cause sono:

- l'età: dopo i 55/60 anni l'organismo smette di produrre collagene, la proteina responsabile di costruire la cartilagine. La cartilagine è una sostanza biancastra e gelatinosa che protegge le articolazioni, evita gli attriti e agevola i movimenti fluidi. Se questa sostanza si erode, o la sua quantità e qualità sono scarse, la frizione continua dell'osso articolare ne provoca l'infiammazione
- gli ormoni: soprattutto nelle donne in menopausa, il crollo degli estrogeni e il nuovo rapporto di questi ormoni rispetto al progesterone, comporta una minor densità ossea che si traduce, come prima sintomatologia, in dolore articolare
- l'obesità: soprattutto le articolazioni delle anche, delle ginocchia e delle caviglie risentono, a lungo andare, di un peso eccessivo, infiammandosi
- malattie autoimmuni: lupus e tiroide di Hashimoto, così come l'ipotiroidismo grave e tutte le connettiviti autoimmuni, compromettono la salute delle ossa e delle articolazioni 


Come si cura l'artralgia

L'artralgia, come abbiamo visto, non è quasi mai una malattia specifica e singola ma la conseguenza di altre problematiche. Per questo motivo non esiste una terapia specifica per guarirla. Il modo migliore di affrontarla è quello di intervenire sui sintomi, lenendoli, e di evitare che si aggravi o che evolva in conseguenze importanti. Naturalmente, contestualmente al trattamento sintomatico dell'artralagia, vanno scoperte e trattate le patologie correlate. L'artralgia viene solitamente curata con un'adeguata somministrazione di antidolorifici e antinfiammatori, abbinata a un percorso di riabilitazione. Le articolazioni non devono restare immobili ma è necessario mobilizzarle quotidianamente, anche più volte al giorno, per impedire che si atrofizzino o, peggio ancora, che questo accada ai muscoli circostanti. Spesso, però, soprattutto per quanto riguarda: i pazienti anziani, i post-chirurgici o post-traumatici e gli obesi, la fisioterapia attiva è inefficace, pericolosa e non fattibile. Per questo si consiglia la C.P.M. tramite Kinetec. 

Cos'è Kinetec

Kinetec è un tutore per la mobilizzazione passiva delle articolazioni, che permette di eseguire dei movimenti funzionali al recupero, e alla guarigione dei sintomi, in tutti i casi di artralgia. Il dispositivo accompagna l'arto lesionato durante tutto il movimento, sostenendolo e mantenendolo in posizione ideale. Il movimento imposto da Kinetec è quello corretto per ripristinare la funzionalità articolare, muscolare e la buona circolazione sanguigna. Kinetec non è doloroso, non impone fatica e movimento volontari, è semplice da usare e può essere anche noleggiato ed utilizzato nell'intimità di casa propria, evitando così spostamenti giornalieri che, per un paziente che soffre di artralgia, potrebbero essere causa di sofferenza e stress. Kinetec può essere utilizzato per la riabilitazione di tutte le articolazioni: caviglia, ginocchio, anca, polso, gomito e spalla. È regolabile per quanto riguarda angolo di estensione e velocità di movimento: così può seguire i progressi del paziente, accompagnandolo efficacemente in un percorso graduale, progressivo e di completo recupero. 


Perché scegliere Kinetec per la cura dell'artralgia

Il suggerimento, da parte dell'ortopedico o del fisioterapista, dell'opzione della C.P.M. anziché della riabilitazione tradizionale attiva, è particolarmente indicato nei seguenti casi:

- pazienti anziani: per i quali fare degli esercizi attivi corretti, costanti, per un tempo adeguato a trarne beneficio sarebbe difficile o impossibile
- pazienti che hanno subito un intervento: dopo la chirurgia un movimento sbagliato potrebbe essere controproducente. Kinetec porta a zero questo rischio e permette di iniziare il recupero funzionale molto prima rispetto a quanto si potrebbe fare con la ginnastica attiva
- pazienti obesi: ai quali è sconsigliata l'attività fisica che grava sulle articolazioni, così come i movimenti fisioterapici, che richiedono una certa agilità per evitare incidenti
- pazienti con artralgia cronica: soprattutto chi ne soffre per cause autoimmuni oppure ormonali, per i quali la sola fisioterapia può non bastare o, in altri casi, potrebbe essere un'attività troppo pesante e faticosa, soprattutto nelle fasi acute e recidivanti della malattia autoimmune

I vantaggi della terapia con Kinetec in caso di artralgia

Kinetec si è dimostrato più efficace della fisioterapia attiva per diversi motivi:

- permette di sfruttare al massimo la seduta, perché ogni movimento eseguito con Kinetec è corretto e funzionale 
- non affatica, non provoca dolore: la seduta viene eseguita perfettamente, senza pause né rischio di dover essere interrotta a metà per dolore o stanchezza
- la terapia può essere eseguita a casa, grazie al noleggio del dispositivo, quindi i pazienti possono usufruirne giornalmente senza dover affrontare spostamenti, viaggi, attese: tutte attività piuttosto stressanti per chi soffre di dolore osseo

I vantaggi supplementari correlati all'uso di Kinetec per artralgia

Kinetec permette di mobilizzare immediatamente le articolazioni compromesse. Questo è particolarmente importante dopo gli interventi chirurgici o i traumi. In questi casi, infatti, il paziente, prima di poter accedere alla fisioterapia attiva, deve attendere che la fase acuta del dolore sia passata: potrebbero volerci settimane. Questo tempo è però prezioso per il veloce recupero e per evitare danni a lungo termine. Con Kinetec si può iniziare la riabilitazione in tempi velocissimi, rendendola più efficace. Inoltre, l'immobilità post-chirurgia ortopedica mette a rischio il paziente di disturbi della coagulazione, embolie e trombosi. Kinetec, mobilizzando l'arto interessato, fa scendere in modo importante la percentuale di rischio per queste potenziali complicanze. 


A chi rivolgersi per la terapia dell'artralgia con Kinetec

Generalmente, i pazienti artralgici vengono indirizzati dall'ortopedico di fiducia presso centri fisioterapici specializzati o verso aziende e farmacie che si occupano del noleggio Kinetec. In ogni caso, se si ha necessità di un dispositivo Kinetec, ci si può rivolgere al medico di base, in farmacia o cercando online i noleggiatori più vicini alla propria zona di residenza. Un addetto specializzato si occuperà di presentare il prodotto, di spiegare come usarlo e di rendersi disponibile in caso di bisogno di assistenza e consigli, per tutta la durata del noleggio.

©2019 KINETEC ROMA
Elettromedicali Roma di Paolo Mancinelli
Via del Casale della Caccia, 116
00128 - Roma - tel 800 500 564 - 335 571 5443
p.iva IT11738761003 - c.fiscale MNCPLA69S03R839Q - reg. imprese 1324721